Black Mirror è una miniserie che esamina la parte oscura della tecnologia moderna e gli effetti collaterali provocati sull’umanità.

10 motivi per i quali vedere Black Mirror

  1. La trama provocatoria
    Black Mirror tratta argomenti attuali legati all’evoluzione dei social nella nostra società. Purtroppo oggi si tende a trasformare la vita privata in uno spettacolo pubblico e quando ci si accorge di aver superato il limite oramai è troppo tardi.
  2. Il Black Mirror
    Il black mirror rappresenta lo schermo nero delle TV, dei PC e degli smartphone, cioè quel monitor che come uno specchio riflette la nostra vita: emozioni, relazioni, pensieri politici e sentimenti.
  3. Argomenti sui social
    Ogni episodio tratta un tema preciso relativo ai vantaggi e agli svantaggi della tecnologia moderna, ad esempio: la creazione dei robot, l’utilizzo dei microchip che permettono di rivedere ogni azione del passato, il voyeurismo sui social.
  4. No filo logico
    Tutta la serie è basata sull’evoluzione della tecnologia ma l’idea geniale, che la rende diversa dalle altre, è la decisione di trattare, in ogni episodio, un argomento diverso in modo tale da non esserci continuità.
  5. Un cast variegato
    Ogni episodio ha personaggi e attori diversi, alcuni sono sconosciuti; altri sono star internazionali come ad esempio Rupert Everett, John Hamn, Hayley Atwell e Domhnall Gleeson; alcuni provengono da altre serie TV tipo Allen Leech, Jessica Brown Findlay e Tom Cullen.
  6. Il mondo reale
    Chi vede questa serie per la prima volta crede che sia ambientata nel futuro, invece non è così quel futuro è più vicino di quanto uno possa pensare e non si rende conto che ne facciamo già parte.
  7. Adattamento alla mischia
    I personaggi sono come la gente comune, sbaglia, festeggia o si sacrifica. A volte pur di piacere agli altri non dice quello che pensa e diventa irrispettosa nei confronti di chi nella società non è accettato.
  8. Dipendenza dalla tecnologia
    Black Mirror mostra un mondo fatto di persone sole, egoiste e strane, capaci di compiere cose terribili. Questa è la conseguenza della dipendenza dalla tecnologia che cancella ogni forma di divertimento puro e semplice.
  9. Accettazione dei problemi
    Nella serie non esiste nè un finale buono nè uno cattivo perchè semplicemente rappresenta le problematiche dell’animo umano che continuano ad avanzare senza che nessuno faccia niente, al contrario le considerano situazioni normali.
  10. Riflessioni sulla tecnologia
    Dopo aver visto le due stagioni diventerete riflessivi sul potere che la tecnologia moderna ha sull’uomo, forse capirete che si può anche ridurre l’utizzo e ritornare ai vecchi metodi. Questo è il messaggio che l’ideatore ha voluto trasmettere
Andrea Navarro

Vivo la mia passione per le Serie TV e i Film fin dalla tenera età. In famiglia, qui a Napoli, siamo cresciuti a pane e Star Wars. Proseguo ora la mia avventura solitaria in questa galassia lontana lontana!

Condividi
Pubblicato da
Andrea Navarro

Post più recenti

Cuphead: da videogioco a cartone animato in stile anni 30, ecco il trailer

Finalmente è stato reso pubblico il trailer di "The Cuphead Show", online dal 18 Gennaio,…

1 anno fa

Una serie di sfortunati eventi torna su Netflix con la terza stagione

Una serie di sfortunati eventi torna a gennaio con la terza stagione Dopo che era…

4 anni fa

Carmen Sandiego torna di nuovo in tv grazie a Netflix

Il personaggio di Carmen Sandiego nasce negli ottanta Carmen Sandiego nasce nel 1985, ed è…

4 anni fa

Gossip Girl, da gennaio su Netflix l’élite di Manatthan

Gossip Girl è andato in onda dal 2007 al 2012 sul canale CW Gossip Girl…

4 anni fa

Black Mirror Bandersnatch, una release a sorpresa

Black Mirror Bandersnatch dovrebbe essere un film che non ha alcun legame con la serie…

4 anni fa

La casa di carta si fa in 3, annunciata la terza stagione

La Casa di Carta vedrà sicuramente una terza stagione, l'uscita probabile sarà entro la fine…

4 anni fa