Netflix e la Polemica su Avatar: Come il Reboot Evita il Sessismo Originale

Pubblicato 
martedì, 30/01/2024
Di
Gennaro Marchesi

Le reazioni del pubblico alla nuova interpretazione di un personaggio di "Avatar: The Last Airbender"

Controversie sulle modifiche ai personaggi di Avatar

La notizia del rimaneggiamento di un personaggio chiave all'interno del remake di "Avatar: The Last Airbender" prodotto da Netflix ha suscitato non poche polemiche tra i fan della serie animata originale. A distanza di quasi vent'anni dal debutto del cartone, la versione live-action è attesa con grande anticipazione. Ambientata in un mondo devastato dalla guerra, la storia narra delle avventure di individui capaci di controllare i quattro elementi fondamentali - acqua, fuoco, aria e terra - e di un Avatar con il compito di dominarli tutti per ripristinare equilibrio e pace.

I personaggi principali saranno Aang (Gordon Cormier), l'eroe titolare, l'acquabender Katara (Kiawentiio), suo fratello Sokka (Ian Ousley) e il temibile principe Zuko, esperto nell'arte del fuoco.

La questione del sessismo nel percorso di Sokka

In una recente intervista rilasciata a Entertainment Weekly, Ian Ousley e Kiawentiio hanno condiviso alcuni dettagli sui loro ruoli, specificando come alcune caratteristiche originarie siano state rivisitate. E' stato riferito che Sokka, nella nuova versione, non presenterà la tendenza al sessismo evidenziata nella serie animata. Tale aspetto ha scatenato una vivace discussione, in quanto molti fan ritengono che il percorso di crescita di Sokka nel cartone originale fosse strettamente legato alla sua iniziale visione sessista, che apprende ad abbandonare nel corso degli episodi.

Una serie di `commenti` su diverse piattaforme social ha evidenziato come questa scelta potrebbe snaturare l'evoluzione del personaggio. Diversi utenti hanno osservato che vedendo Sokka superare i propri pregiudizi, il pubblico poteva trarre lezioni preziose.

Perdita e crescita: i temi affrontati dai fratelli Katara e Sokka

Conseguenze più profonde dei personaggi vengono riscoperte attraverso la perdita dei loro genitori, caduti per mano della Fire Nation o scomparsi in guerra. Ian Ousley ha toccato la tematica della responsabilità di leadership in assenza del padre, mentre Kiawentiio ha sottolineato l'importanza di tale vuoto emotivo nelle vite dei loro personaggi.

Questa rielaborazione del materiale originale ha fatto emergere una netta divisione tra gli ammiratori della prima ora e quelli che accoglieranno la nuova serie. Si attendono ulteriori dettagli in prossimità del lancio ufficiale programmato per il 22 febbraio su Netflix.

- Gordon Cormier nei panni di Aang
- Kiawentiio come Katara
- Ian Ousley in qualità di Sokka
- Principe Zuko, il temibile antagonista di fuoco

Netflix non ha ancora rilasciato commenti ufficiali in merito a questa controversia.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram